Studio Di Nuovo Mario - Consulenza del Lavoro

 

Home page
Profilo
Servizi
News Lavoro
Sicurezza
Contatti
Sicurezza


OBBLIGO DEL DATORE DI LAVORO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE DEI LAVORATORI IN MATERIA DI SICUREZZA

Il Testo Unico sulla Sicurezza prevede in capo al datore di lavoro specifici obblighi di informazione e formazione del personale dipendente - art. 36 e 37 - in materia di sicurezza.

Relativamente all’informazione il contenuto deve essere facilmente comprensibile per i lavoratori e deve consentire loro di acquisire le relative conoscenze.

Nello specifico il datore di lavoro deve provvedere affinché ciascun lavoratore riceva un’adeguata informazione con riguardo a:

rischi per la salute e sicurezza sul lavoro connessi all’attività dell’impresa in generale e rischi specifici in relazione all’attività svolta;
procedure che riguardano il primo soccorso, la lotta antincendio, l’evecuazione dei luoghi di lavoro;
nominativi dei lavoratori addetti al primo soccorso e alla prevenzione degli incendi;
nominativi del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione e e protezione e del medico competente;
normative di sicurezza e disposizioni aziendali in materia;
pericoli connessi all’uso delle sostanze e dei preparati pericolosi sulla base delle schede dei dati di sicurezza previste dalla normativa vigente e dalle norme di buona tecnica;
misure ed attività di protezione e prevenzione adottate .

Il datore di lavoro deve assicurare che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia si salute e sicurezza con particolare riferimento a:

concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza;
rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

Stante la significativa portata delle sanzioni previste per le violazioni degli obblighi di cui sopra - arresto da due a quattro mesi o l’ammenda da 800 a 3.000 euro – invitiamo tutti i Clienti alla verifica, con i propri referenti per la sicurezza, della posizione della propria azienda.

Torna su Stampa

 

© 2013 STUDIO DI NUOVO MARIO | info@studiodinuovo.it | P.I. 02891870244 | Tutti i diritti riservati - credits